No. 250  4-10 ottobre 2006

Prima pagina
















Numero visitatori
dal 16 augosto 2001
968693


28 visitatori online

Archivio Gazzettino

Gazzettino No. 333
(16-22 luglio 2008)


Gazzettino No. 331
(9-15 luglio 2008)


Gazzettino No. 330
(2-8 luglio 2008)


Gazzettino No. 329
(25 giugno - 1 luglio 2008)


Archivio generale  


 Indietro  

Economia

Cosa cambierà e cosa no dopo l’ingresso nell’Unione Europea
Teoreticamente, ciascuno dei 31 capitoli di negoziato chiusi della Romania con l’Unione Europea per il periodo 2000-2004 apporterà delle modificazioni alla società romena. In realtà, solo meno della metà dei settori in discussione produrranno dei cambiamenti notevoli. Si tratta di negoziati che interessano, direttamente o indirettamente, tutti: la tassazione, i trasporti, la protezione dell’ambien...

L’integrazione nella UE favorisce la crescita del PIL e degli investitori
Secondo alcuni analisti economici, l’integrazione della Romania nell’Unione Europea (UE) rappresenta, nel lungo periodo, un pilone di sostegno allo sviluppo economico, sebbene a breve termine il deficit di bilancio potrebbe crescere e le pressioni inflazionistiche aumentare. “Come avvenuto per i paesi che hanno aderito nel 2004 all’Unione Europea, l’impatto sull’economia romena potrebbe essere pos...

Scheele: La massa critica per l’adesione della Romania alla UE è stata raggiunta
Il responsabile della CE a Bucarest, Jonathan Scheele, ha dichiarato, dopo la presentazione del rapporto paese della CE, che il documento della Commissione è obiettivo e molto chiaro: il grado di preparazione di Bulgaria e Romania non è oggi perfetto al 100%, ma la massa critica è stata ottenuta in modo chiaro. Scheele ha precisato che si è trattato dell’ultimo rapporto della CE riguardante Bulgar...

Commenti della stampa occidentale
Il quotidiano britannico "The Times" ha commentato la decisione della Commissione Europea di raccomandare l’adesione di Romania e Bulgaria alla UE per il primo gennaio 2007, affermando che l’Esecutivo Europeo ha permesso ai due paesi cavarsela con poco. Molti paesi membri della UE, infatti, sono orripilati dalla corruzione, dagli abusi e dalla criminalità visibile nella vita pubblica dei due paesi...

L’adesione alla UE, insufficiente per attirare maggiori investimenti stranieri
Il presidente della Camera di Commercio Romeno-Britannica, Paul Beza, ha affermato che l’adesione all’Unione Europea il primo gennaio 2007, se non si risolveranno una serie di problemi, come indipendenza della giustizia e la corruzione, non sarà sufficiente per attirare maggiori investimenti stranieri nel paese. “Gli investimenti stranieri non dipendono solo dall’adesione della Romania all’Unione ...

L’ANAF recupererà i fondi UE utilizzati illegalmente
L’Agenzia Nazionale di Amministrazione Fiscale (ANAF) sarà l’istituzione che recupererà i fondi strutturali utilizzati in violazione delle norme europee. Il Governo ha approvato un decreto con cui si è deciso che il pregiudizio sarà stabilito a partire dalla data in cui è stato prodotto, in conformità ad una decisione approvata dal Governo. Il rispetto della legalità nell’utilizzo e nell’amministr...

Cristian David prepara un programma per ultimare le riforme per la UE
Il ministro delegato al Controllo dei Programmi Finanziati con Fondi Internazionali, Cristian David, coordinerà un piano di correzione strutturale post-adesione, che includerà misure per la realizzazione del processo di riforma nel settore energetico, le miniere, il mondo degli affari, il mercato finanziario. Il documento correlerà le procedure di applicazione delle politiche di riforma struttural...


Condizioni restrittive per i crediti
Secondo una norma della Banca Nazionale, gli istituti di credito terranno conto per la valutazione della solvibilità dei clienti di tutti i costi afferenti ai prestiti raccolti dal richiedente, contratti di leasing inclusi. La banca centrale ha modificato e completato la Norma 10/2005 riguardante la limitazione del rischio di credito per i crediti destinati alle persone fisiche. Le nuove disposizi...

ANIMMC: Metà delle esportazioni delle PMI proviene da produzioni in conto lavoro
Metà delle esportazioni realizzata dalle piccole e medie imprese è realizzata in conto lavoro. Il dato, offerto dall’Agenzia per le PMI e la Cooperazione (ANIMMC). suggerisce che molte delle PMI attive in Romania sono create solo allo scopo di compiere esportazioni in regime di lavorazione conto terzi. “Il peso delle esportazioni dei prodotti in conto lavoro sul totale di tutte le vendite verso l’...

Il PSD accusa il premier Tariceanu di non aver assicurato le scorte per l’inverno
Il capo del Dipartimento di Politiche Economiche del PSD, Iulian Iancu, ha accusato, in una conferenza stampa, il primo ministro di avere ritardato la costituzione delle riserve invernali allo scopo di acquistarle a prezzi massimi per riempire le tasche di alcuni “furbetti”. Iancu afferma che è per la prima volta negli ultimi dieci anni che il problema delle riserve invernali per il sistema di ris...

S&P e Moody’s: Le condizioni imposte dalla CE stimolano il proseguimento delle riforme
Gli analisti dell’agenzia di rating Standard&Poor’s e Moody’s affermano che le condizioni severe imposte alla Romania dalla Commissione Europea per l’adesione produrranno un’effetto positivo, poiché spingeranno il Governo a proseguire le riforme strutturali. “Il principale beneficio dell’adesione è che il processo di riforma strutturale si consoliderà e diventerà irreversibile. La Commissione Euro...

Il Registro del Commercio riceverà i dati relativi al casellario fiscale delle ditte dal Ministero delle Finanze
Le ditte e i piccoli imprenditori non saranno più obbligati a presentare il certificato del casellario fiscale dopo la richiesta della registrazione al Registro del Commercio, le informazioni necessarie, infatti, saranno trasmesse, entro 5 giorni dalla registrazione da parte del Ministero delle Finanze Pubbliche. Presso il Ministero delle Finanze si organizzerà il casellario fiscale nazionale per ...

Le ditte che non rispettano i contratti pubblici non parteciperanno più agli appalti
Le ditte che negli ultimi due anni non hanno rispettato o hanno adempiuto in modo difettoso agli obblighi contrattuali per gli acquisti pubblici conclusi con lo stato per diversi lavori non potranno partecipare ad altre gare d’appalto di questo tipo. Il Governo, la scorsa settimana, ha deciso che la partecipazione degli operatori economici ai contratti pubblici sarà condizionata al modo in cui le ...

Metà degli investimenti stranieri sono prestiti dalle società madri verso le succursali romene
Sebbene nei primi sette mesi dell’anno in corso il valore degli investimenti stranieri diretti sia cresciuto di circa il 48% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, il peso maggiore è detenuto da prestiti accordati dalle società madri alle succursali esistenti in Romania. Secondo un comunicato dell’Agenzia Romena per gli Investimenti Stranieri (ARIS), il valore degli investimenti stranieri...

BNR mantiene il tasso di intervento all’8,75%
La scorsa settimana, il Consiglio d’Amministrazione della BNR ha deciso, per la seconda volta di seguito, di mantenere il tasso di intervento all’8,75% annuo, confermando le aspettative degli analisti e suggerendo che la deflazione prosegue, mentre la crescita economica cresce grazie agli investimenti ed ai consumi. Il Consiglio d’Amministrazione della banca centrale ha riaffermato l’impegno rigua...

In Romania, licenziare non costa, ma raramente è necessario
Secondo uno studio della Banca Mondiale, la Romania ha dei costi molto bassi per il licenziamento dei dipendenti. In sostanza, le tre settimane di preavviso che il datore di lavoro è obbligato a concedere sono il solo obbligo legale che produce dei costi all’impresa. I paesi “meno cari”, dal punto di vista dei licenziamenti, sono USA, Tonga, Micronesia, Palau, Nuova Zelanda, Porto Rico e le Isole ...

 Home   In alto  


 Pubblicità    Abbonamenti    Chi siamo  

Redazione: Timisoara, Romania
Tel./Fax +40(0)256-493012, +40(0)256-282556
E-mail: gazzettino@gazzettino.ro Internet: www.gazzettino.ro